Le macchine robotiche sognano le pecore elettriche?


Screenshot 2015-10-10 17.12.15

Le macchine robotiche di Google possono imparare gli uni dagli altri, quando rientrano in garage, e si addestrano in mondi simulati a un ritmo accelerato. Il nostro futuro sarà abitato da macchine intelligenti che utilizzano il loro tempo molto diversamente da noi.

Le macchine robotiche ci pongono molte sfide, ma se mantengono anche una frazione di ciò che promettono, allora dovrebbe essere una priorità molto alta  metterle sulle strade in fretta. Secondo un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ci sono oltre 1,2 milioni di morti e oltre 50 milioni di lesioni a causa di incidenti stradali ogni anno. In base a molte stime le vetture a guida automatica hanno il potenziale di eliminare il 90% di questi. Abbiamo un’incredibile nuova opportunità di salvare vite umane, paragonabile a curare la malaria o all’eradicazione della polio.

Molte persone si preoccupano di problemi del tutto teorici, applicando esperimenti mentali sociologici alla prospettiva. Ma anche se queste domande sono un po’ valide, la loro importanza è sminuita dal volume della sofferenza umana che può essere evitata con queste macchine autonome. Come potrà un qualsiasi politico nel prossimo ciclo elettorale rispondere alla domanda “Perché lasci ancora che i nostri bambini muoiano?” (A meno che le case automobilistiche non si rendano conto che avremo anche bisogno di radicalmente meno auto, e per coordinare uno sforzo di lobbying come quello per le armi negli USA per salvare la capacità di uccisione del loro settore.)

Le auto di Google hanno viaggiato per circa 1,9 milioni di km sulle strade della California, e la decina di incidenti in cui sono stati coinvolti sono tutti a causa di conducenti umani che vi si sono schiantati addosso. Mentre le vetture sono sulla strada sono molto concentrati sul compito, non possono permettersi di chiacchierare. Seguono mappe ad alta risoluzione, confrontandoli con i segnali GPS, nonché con le immagini LIDAR a 360 gradi percepite ad altissima risoluzione temporale.

Dopo una giornata di lavoro, tornano al loro garage a Mountain View, e lasciano che i loro passeggeri umani vadano a dormire. Invece di spegnere i loro sensi di macchine, in modo simile a quello che facciamo quando sogniamo, si disconnettono le ruote e iniziano a sognare. I loro sensi vengono alimentati da mondi simulati—come può il cervello di una macchina robotica decidere ciò che di una mappa LIDAR è reale e ciò che è una simulazione? Dai loro sensori ai loro moduli decisionali, le macchine robotiche passano attraverso un allenamento rigoroso ogni notte. Ricapitolano quello che è successo durante il giorno e affrontano nuovi tipi di scenari per essere una vettura robotica migliore il giorno dopo: a forza di guidare oltre 5.000.000 di chilometri a notte!

E queste simulazioni non sono fatte in modo isolato. Ma con l’accesso completo alle esperienze condivise di tutta la flotta di macchine robot, ognuna dei quali porta avanti la somma dell’apprendimento di tutti. Gli errori e i trionfi non sono di una macchina individuale, ma di tutti insieme. I loro obiettivi possono essere raggiunti solo come una comunità di risolutori di problemi, non come un culto di gruppo che ammira il genio solitario.

La massiccia adozione della realtà virtuale non è ancora nemmeno iniziata, ma già le opportunità spazio-temporali di questi universi simulati, intersecati con la loro realtà aumentate, vengono colonizzate dalle nostre macchine intelligenti. E loro lì si sentono perfettamente a casa. Si alleneranno, esploreranno, impareranno a condividere, a superare i confini della loro individualità e a sfruttare la loro mancanza di preconcetti. Liberate dal peso dell’autocoscienza, voleranno in alto.

 

This post is also available in: Inglese