La tecnologia dà forma alle nostre ambizioni morali


Nelle migliaia di anni durante le quali abbiamo costruito le società umane non siamo diventate persone migliori. Ma anche così, siamo stati in grado di prendere decisioni comuni che possiamo senza dubbio chiamare moralmente superiori: abbiamo messo la schiavitù fuori legge, abbandonato il lavoro minorile, e molte altre. La differenza è rappresentata dalla tecnologia, il cui sviluppo dà origine a nuovi livelli di comprensione di ciò che è possibile.

Sabato 6 febbraio ho tenuto una conferenza presso il Birkbeck College di Londra, invitato da Londra Futurists . Organizzato da David Wood, l’evento è stato molto apprezzato, e il pubblico ha seguito l’esposizione con numerose domande. Ecco il il video del discorso e della sessione di domande e risposte.

[Youtube] https://www.youtube.com/watch?v=9XrpyX64cnU [/ youtube]

Le tre sezioni del discorso coprono evoluzione socio-economica, il futuro decentralizzato che si avvicina rapidamente, e la moralità delle macchine.

Se avessi chiesto ad uno schiavo romano se la sua condizione era giusta, la risposta sarebbe stata, evidentemente, “no, non lo è”. Ma se avesti seguito questo con la seconda domanda: “Puoi immaginare una società senza la schiavitù?”, avresti ricevuto un beffardo riso amaro come risposta. Qualcuno deve spostare questo pezzo di roccia, e se non lo fa uno schiavo, lo farà il prossimo dopo che questo viene ucciso.

Oggi abbiamo macchine per le stesse attività disumane …

La domanda a quel punto diventa: quali sono gli assiomi dogmaticamente accettati sulla nostra società attuale, che saranno scartati in pochi anni?

This post is also available in: Inglese